Egitto: credito documentario obbligatorio (aggiornamento)

Dal 1° marzo 2022, salvo alcune eccezioni, le spedizioni verso l’Egitto devono obbligatoriamente essere coperte con lettera di credito.

Inizialmente dal 22 febbraio 2022, poi confermato dal 1° marzo 2022, non è più consentito importare merci in Egitto utilizzando il sistema CAD (cash against documents, ovvero l’incasso documentario): la Banca centrale egiziana (CBE) ha infatti istituito l’obbligo per le banche egiziane di utilizzare esclusivamente il credito documentario.

Sono consentite le seguenti eccezioni:

  • importazioni effettuate da filiali di società estere e loro controllate con sede in Egitto per acquisti dalla casa madre;
  • importazioni di prodotti alimentari e sanitari, tra cui medicinali e principi attivi necessari alla produzione locale degli stessi, te, carne, pollame, pesce, grano, olio, latte in polvere, latte artificiale per neonati, lenticchie, burro, mais;
  • importazioni di valore inferiore a USD 5’000.- o equivalente;
  • spedizioni effettuate per posta e corriere;
  • transazioni tra aziende nelle zone franche e aziende egiziane, se la transazione riguarda il mercato egiziano ed è condotta in valuta locale (sterline egiziane, EGP);
  • importazioni per uso privato per le quali è utilizzato il modulo 6;
  • consegne in garanzia;
  • importazioni di linee di produzione, pezzi di ricambio e simili per uso speciale, per le quali è utilizzato il modulo 6.

La lista delle eccezioni può essere soggetta a modifiche, si consiglia pertanto di chiarire bene con i propri partner egiziani se vi sono ulteriori aggiornamenti in merito ai prodotti e come avviene la gestione del credito documentario in tutte le sue fasi e quali documenti vengono richiesti.

Per ulteriori approfondimenti: FAQs on CBE decision for LCs (ahk.de)


Fonte iniziale: Egypt – New guideline for import procedures | S-GE, ampliato/aggiornato dal Servizio Commercio internazionale Cc-Ti