Fare squadra

Presentazione

Da più parti e sempre più spesso si sente e si legge che è necessario “fare squadra“. Questa espressione si è trasferita dall’ambito sportivo a tutti quei collettivi economici e sociali sottoposti a forti sollecitazioni interne o esterne. Molti dunque dicono o sentono o leggono che bisogna “fare squadra” ma pochi dicono o sanno cosa significhi e come si fa. Intanto affermiamo che una “squadra” esiste se i membri di un collettivo accantonano ogni particolarismo per orientare le proprie energie verso un obiettivo comune. Questa è sinergia. Facile? Mica tanto, specialmente se siamo stati educati fin da bambini a competere. Mica tanto facile – per giunta – se l’obiettivo comune viene imposto e/o non viene condiviso da ogni membro del collettivo. Questa è allergia.

Da qui si apre un mondo di considerazioni sulle relazioni tra capo (coach) e membri del collettivo e tra i membri stessi del collettivo (dicono nulla le parole simpatia e antipatia?) perché è “l’intesa” che fa la differenza tra un collettivo vincente e uno perdente. Abbiamo triste memoria di squadre sportive piene di campioni e vuote di risultati in conseguenza di personalismi dei giocatori e di incapacità gestionali del coach. E hai voglia esortare a “fare squadra”, promettere premi o minacciare punizioni: se non c’è intesa non c’è risultato. Stop.

E allora? E allora bisogna sapere come si fa a diventare membri sinergici del collettivo ovvero coach di successo del collettivo. Insomma bisogna sapere come “fare squadra”.

Ma questo ve lo spieghiamo durante il corso.

Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.

Albert Einstein 

Scopo

Diventare membri sinergici del collettivo, ovvero coach di successo del collettivo.

Destinatari

Tutti coloro che desiderano migliorare lo spirito di gruppo all’interno del loro ambiente.

Programma

  • Le abilità relazionali e la comunicazione
  • Le capacità, la fiducia e la voglia di scoprire gli altri
  • Il coraggio di interagire oltre i ruoli
  • La personalizzazione della relazione: cosa fare, cosa non fare
  • L’ascolto attivo: ascoltare per comunicare per relazionare
  • Al di là delle parole, le emozioni
  • Il mio punto di vista e quello degli altri: valorizzare la squadra

Relatore

Gabriele Tonucci, ha maturato una lunga esperienza operativa nella vendita. In seguito è stato responsabile di programmi e personale di formazione presso primarie società di servizi. Dal 2004 è attivo come professionista nella formazione in ambito comportamentale, commerciale e manageriale.

Categoria

Quando

Martedì 29 gennaio 2019
13:30–17:30

Dove

Organizzatore

Cécile Chiodini Polloni
Responsabile
Formazione puntuale
+41 91 911 51 18
E-mail

Quota d’iscrizione

210.- soci Cc-Ti e SIC Ticino
230.- membri di associazioni affiliate Cc-Ti
250.- non soci
Prezzi in CHF

Iscrizioni

Termine d’iscrizione
venerdì 18 gennaio 2019

Ti potrebbe inoltre interessare